Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ti trovi qui:Aree Tematiche»Cultura»BA Cultura e Identità»Busto Arsizio "Città che legge"

Busto Arsizio "Città che legge"

Si conferma ancora una volta la vocazione culturale della città: oltre alle eccellenze riconosciute nei campi del cinema, della musica, del teatro, dell’arte, in particolare quella tessile, che da tempo la contraddistinguono, Busto è anche una ‘Città che legge’: l’importante riconoscimento arriva dal Centro per il libro e la lettura, istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali.
Il titolo premia le Amministrazioni che svolgono con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio e che hanno determinati requisiti come la presenza di una o più biblioteche di pubblica lettura, la presenza di una o più librerie sul territorio; l’esistenza di un festival, una rassegna o una fiera attinenti al libro, alla lettura, nonché l’esistenza di iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie, associazioni.

"Questo riconoscimento nazionale per la nostra città premia i grandi sforzi messi in atto dall'Amministrazione sul fronte culturale, con investimenti e una visione anche organizzativa che ha messo in rete, attraverso i Tavoli, le tante realtà cittadine, dando vita a un vero e proprio 'Sistema culturale' - commenta la vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli -. Un contesto nel quale il libro è grande protagonista, sia grazie alla nostra Biblioteca, spazio baricentrico, innovativo e propulsivo, che può contare su spiccate professionalità, competenze e passione, sia grazie alle sette librerie della città, tra i nostri vanti, che, sotto la regia e lo stimolo dell'Assessorato, hanno trovato nel 'Tavolo Letteratura' uno spazio congeniale per esprimere al meglio le loro capacità e la loro bravura nel collaborare a vantaggio comune. Che è poi vantaggio per tutta la nostra comunità e per quella culturale in particolare".

E’ la prima volta che la Città partecipa all’iniziativa nazionale: “il riconoscimento - spiega la direttrice della Biblioteca comunale Claudia Giussani - permetterà all’Amministrazione di accedere a bandi riservati esclusivamente alle ‘Città che leggono’ per ottenere finanziamenti con cui sostenere ulteriori attività di promozione della lettura”.

Per ulteriori dettagli: https://www.comune.bustoarsizio.va.it/index.php/news/news-del-comune/item/11888-busto-e-una-citta-che-legge-maffioli-un-riconoscimento-nazionale-che-premia-gli-investimenti-dell-amministrazione-sul-fronte-culturale