Contenuto principale

Messaggio di avviso

Nascita

Dichiarazione di nascita

La dichiarazione di nascita si può rendere con le seguenti modalità:

  1. entro 3 giorni presso la Direzione sanitaria o Casa di cura dove è avvenuta la nascita;
  2. entro 10 giorni presso l'ufficio di stato civile del comune di residenza della madre.

Nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso comune, salvo diverso accordo tra di loro, la dichiarazione di nascita è resa nel comune di residenza della madre.

La denuncia di nascita può essere resa:

  1. da uno dei genitori se coniugati;
  2. da entrambi i genitori, se non coniugati (riconoscimento di figlio naturale);
  3. da un procuratore speciale, nominato dai genitori;
  4. dal medico o dall'ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l'eventuale volontà della madre di non essere nominata.

Per poter effettuare il riconoscimento è necessario aver compiuto i sedici anni.

Documentazione da presentare:

  1. attestazione di avvenuta nascita rilasciata in originale dall'ostetrica o dal medico che ha assistito al parto;
  2. documento d'identità in corso di validità del dichiarante.

Casi particolari

Dichiarazione tardiva: se la dichiarazione viene resa dopo 10 giorni dalla nascita, il dichiarante deve indicare le ragioni del ritardo all'ufficiale di stato civile, il quale ne dà segnalazione alla Procura della Repubblica.

Nel caso di nato morto o di decesso avvenuto prima che sia stata resa la dichiarazione di nascita, la dichiarazione stessa deve essere resa esclusivamente all'ufficiale di stato civile del comune di nascita.

Attribuzione del nome al neonato

E’ vietato imporre al neonato lo stesso nome del padre vivente, di un fratello o sorella viventi, un cognome come nome, nomi ridicoli o vergognosi.

Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso e può essere costituito da un solo nome o da più nomi, anche separati, non superiori a tre. Nel caso siano imposti due o più nomi separati da virgola, negli estratti e enei certificati rilasciati devono essere riportati soli i nomi prima della virgola ai sensi dell’art. 5 legge n. 219/2012.

Riconoscimento

Riconoscimento di figli nascituri

I genitori non coniugati possono riconoscere il proprio figlio prima della nascita, presentando apposita documentazione attestante lo stato di gravidanza. Il riconoscimento può essere fatto dal padre contestualmente alla gestante oppure in un momento successivo, previo suo consenso.

Riconoscimento di figlio già riconosciuto dall'altro genitore

La procedura di riconoscimento si può attivare previa prestazione dell'assenso da parte del genitore che per primo ha riconosciuto, o previo assenso del figlio se di età superiore ai 14 anni o previa autorizzazione del Tribunale dei Minorenni.

Certificazioni e rettifiche

Esatta certificazione del nome

Il cittadino, nato prima dell’anno 2000,qualora sull'atto di nascita risultasse un nome composto da più elementi, può fare istanza di scelta dei nomi con cui vuole essere identificato nelle certificazioni anagrafiche e di stato civile. L’istanza ai sensi dell’art. 36 del D.P.R. n. 396/2000 può essere presentata una sola volta all’ufficiale di stato civile (vedi allegato).

Rettifica e/o correzione atti di nascita

In presenza di errori materiali, riscontrati nella formazione degli atti, si procede alla correzione d'ufficio o su istanza del cittadino.

Per promuovere, invece, la rettificazione, la ricostituzione di un atto distrutto o smarrito, la formazione di un atto omesso, la cancellazione di un atto indebitamente registrato, o per l'opposizione al rifiuto dell'ufficiale di stato civile di ricevere o formare un atto, l'interessato deve rivolgersi al Tribunale civile competente territorialmente.

Adozioni

Adozioni internazionali

Tutte le informazioni che riguardano la procedura per l'adozione di minori stranieri, incluse normativa vigente e modulistica sono reperibili sul sito web della Commissione per le adozioni internazionali autorità centrale italiana per l'adozione internazionale.

Adozioni nazionali

Tutte le informazioni che riguardano la procedura per l'adozione di minori italiani sono reperibili sul sito web del Ministero della Giustizia.

Modulistica
folder Stato Civile

Ufficio di riferimento
Stato Civile

 

 

Altro in questa categoria: « In caso di lutto Matrimoni »