testata busto

via Fratelli d'Italia 12, 21052 (VA) -
tel 0331 390111 / fax 0331 390291
CF/PI 00224000125 -
Codice IBAN IT54N0521622800000004444644
protocollo@comune.bustoarsizio.va.legalmail.it

Da oggi la ricca offerta di periodici della biblioteca di Busto Arsizio si apre ad un pubblico più vasto. Sarà infatti possibile portare a casa le riviste e leggerle in tutta tranquillità, per una settimana, ad esclusione dell'ultimo numero che resterà per la consultazione in biblioteca.

Ce n'è per tutti i gusti e per tutte le esigenze informative e del tempo libero: attualità, arte, scienza, storia, geografia, psicologia, musica, cinema, benessere, salute, cucina, automobilismo. Accanto all'offerta tradizionale, la biblioteca di Busto Arsizio offre l'accesso all'edicola digitale (attraverso il portale MediaLibraryOnLine Sistemi di Varese) che permette la consultazione gratuita di oltre 7.000 testate di più di 100 Paesi. Nell'edicola on line sono presenti i maggiori quotidiani e periodici italiani unitamente a importanti titoli stranieri come ad esempio Le Figaro, El País, The Daily Telegraph, The Washington Post, tutti consultabili gratuitamente in versione integrale.
Per informazioni: biblioteca.comune@bustoarsizio.va.it
"Con l'attivazione del servizio, inedito per la nostra città, di prestito dei periodici, la biblioteca comunale si dimostra sempre più attenta alle esigenze dell'utenza e a rispondervi in modo concreto - commenta l'assessore alla Cultura Manuela Maffioli -. Una ragione di più per rendere merito allo sforzo della direzione e degli operatori, che stanno attuando una profonda trasformazione nell'attività e, quindi, nella concezione, di un presidio culturale fondamentale per la città, di cui i Bustocchi, e non solo, stanno dimostrando il valore quotidiano e la necessità, anche rispetto a un fabbisogno di cultura che è in continuo aumento".

ELENCO PERIODICI PRESTABILI

INSERTI SETTIMANALI A QUOTIDIANI:

1. D (REPUBBLICA)
2. IO DONNA (CORRIERE DELLA SERA)
3. 7 (CORRIERE DELLA SERA)
4. IL VENERDI' (REPUBBLICA)

SETTIMANALI

1. DONNA MODERNA
2. L'ESPRESSO
3. FAMIGLIA CRISTIANA
4. GRAZIA
5. INTERNAZIONALE
6. PANORAMA
7. VANITY FAIR

MENSILI

1. AD
2. AIRONE
3. ANTIQUARIATO
4. ARCHEOLOGIA VIVA
5. ART E DOSSIER
6. ARTE
7. BELL'EUROPA
8. BELL'ITALIA
9. BUSCADERO
10. CIAK
11. LA CUCINA ITALIANA
12. DOVE
13. FOCUS
14. FOCUS STORIA
15. GARDENIA
16. MERIDIANI
17. MUSICA JAZZ
18. NATIONAL GEOGRAPHIC
19. NUOVA ECOLOGIA
20. OK SALUTE E BENESSERE
21. PSICOLOGIA CONTEMPORANEA
22. QUATTRO RUOTE
23. IL RAGAZZO SELVAGGIO
24. TREKKING
25. VITA IN CAMPAGNA
26. TERRA NUOVA
27. LE STELLE
28. STAR BENE
29. SIPARIO
30. LE SCIENZE
31. SAPERE

Questa mattina le sale del Museo del tessile hanno accolto un nutrito gruppo di responsabili dell’area sviluppo sostenibile di Decathlon, azienda leader nel settore degli articoli sportivi, provenienti da tutto il mondo.

Un appuntamento che si rinnova ogni anno in un paese diverso – l’anno scorso l’incontro si è svolto in Cina – e che riunisce i leader mondiali di Decathlon chiamati a presentare e a discutere delle loro attività sul tema dello sviluppo sostenibile dell’azienda.

Prima dell’incontro, il gruppo ha avuto modo di visitare il museo con tre guide del servizio di didattica museale che hanno presentato in inglese i pezzi più significativi della collezione.

Una visita molto apprezzata, come ha osservato Maxence Signorelli, responsabile sviluppo sostenibile dell'azienda in Italia e organizzatore della giornata: “Cercavo una location vicino a Milano che ci permettesse di riunirci ma anche di trascorrere una giornata culturale e soprattutto motivazionale. Sono venuto a sapere quasi per caso del vostro museo, l’ho visitato e mi è piaciuto molto anche per la sua storia. Era esattamente quello che stavo cercando per questo giorno, un luogo diverso da tutti gli altri, un luogo ricco di elementi del passato in cui trovare ispirazione per il nostro futuro”.

“Sono lieta che la scelta di Decathlon sia caduta proprio sul nostro museo che continua ad aprirsi al mondo, ad accogliere e a farsi conoscere grazie al valore del suo patrimonio – ha commentato l’assessore alla Cultura Manuela Maffioli – ma anche grazie alla capacità delle nostre guide di valorizzarne i contenuti e di creare esperienze significative e coinvolgenti. Il servizio di didattica svolge un ruolo molto importante non solo facendo crescere il pubblico di domani con le attività rivolte ai bambini e ai ragazzi, ma anche rispondendo alle esigenze di arricchimento e approfondimento culturale degli adulti, come è avvenuto oggi”.

Nell’ambito delle campagne di sensibilizzazione attivate in questi giorni dalla Polizia locale a garanzia di una maggior sicurezza, ieri ha preso il via la campagna dedicata al contrasto dell’abuso di alcol prima di mettersi alla guida.

La campagna, accompagnata dallo slogan: “Rispondi alla vita: Bevi? No grazie, guido” verrà svolta fino a domenica 15 luglio con l’intensificazione dei posti di controllo sul territorio, con particolare attenzione ai luoghi più frequentati, nei giorni e negli orari di maggiore affluenza.
L'obiettivo è quello di cercare di rendere gli utenti della strada consapevoli dei gravi pericoli collegati all'assunzione di alcol.

Si ricorda che nel mese di giugno le campagne di sensibilizzazione hanno riguardato il contrasto a comportamenti che causano criticità e suscitano ”allarme sociale” per le ripercussioni delle conseguenze a loro collegate, con particolare riferimento all'infortunistica stradale. In particolare, l’utilizzo delle cinture di sicurezza, il contrasto all’uso del cellulare, l’invito a una maggiore l’attenzione ai pedoni, alle precedenze, alle manovre di sorpasso, ai limiti di velocità.

Dal 3 all’8 settembre è in programma la campagna “La tua città è la tua casa: rispettala!” sul tema del degrado urbano in città e nei quartieri periferici.
Saranno disposti controlli a tappeto nei tre turni con un dettagliato servizio che verrà svolto dalle pattuglie di zona, dagli agenti appiedati, dal Nucleo di Vigilanza di Quartiere e da personale in servizio in abiti civili.

Prosegue con assiduità il lavoro della Polizia Locale sul territorio per contrastare i comportamenti pregiudizievoli della sicurezza dei cittadini.

L'attività non ha avuto tregua neanche sabato notte: alle ore 23.30 circa, in seguito ad un investimento di un ciclista, accaduto in pieno centro storico, in piazza Santa Maria, il conducente di un'autovettura si dava alla fuga senza prestare soccorso alla persona ferita.
Il Nucleo di Pronto Intervento, già impegnato in quel momento in altra attività di controllo per guida in stato d'ebbrezza, coordinato dal Vice Commissario G. Sivieri, si attivava nell'immediatezza del fatto a svolgere i rilievi del caso, raccogliendo tutti gli elementi utili per risalire all'autore del reato.
In particolare, come spiega il vice comandante Cristina Fossati, “venivano prontamente reperiti alcuni testimoni dell'accaduto che fornivano elementi utili al rintraccio dell'autovettura; il personale confrontava le informazioni raccolte con le riprese rilevate dal sistema di videosorveglianza in uso al Comando e, dopo poche ore di serrate indagini si riusciva non solo a risalire al modello dell'autovettura, ma soprattutto all'effettivo responsabile dell'investimento. Giova precisare che, una volta identificata l'autovettura, in un primo momento un’altra persona si dichiarava responsabile dell'investimento e, grazie alla professionalità, all'esperienza e alla documentazione video relativa all'episodio, emergevano gravi incongruenze e si giungeva all'identificazione dell'effettivo autore del reato: un giovane neopatentato residente in città che veniva deferito all'autorità giudiziaria per il reato di fuga ed omissione di soccorso, al quale veniva ritirata immediatamente la patente di guida e gli veniva altresì contestata la guida con tasso alcolemico superiore a quello consentito ai titolari di patente guida da meno di tre anni. Infine la persona che aveva depistato le indagini, veniva deferita all'autorità giudiziaria per il reato di favoreggiamento”.
Anche quest'ultima operazione di polizia giudiziaria dimostra l'incisiva presenza sul territorio, l'efficienza e l'efficacia dell'azione del Corpo di Polizia locale, sempre attento alla tutela della sicurezza e del vivere civile.

Anche nel periodo estivo, continua con intensità l’attività del Comando di Polizia Locale volta al controllo del territorio con servizi attuati a garanzia di una maggior sicurezza stradale verso tutti gli utenti. A breve, come segnalato dal comandante Claudio Vegetti, verranno pianificate ed attuate cinque campagne di sensibilizzazione rispetto ai comportamenti più ricorrenti che costituiscono particolari criticità e suscitano ”allarme sociale” per le ripercussioni delle conseguenze a loro collegate, con particolare riferimento all'infortunistica stradale.

In particolare:


Dal 18 al 23 giugno 2018
RIMANI CONNESSO ALLA VITA: ALLACCIA LE CINTURE! Art.172 C.d.S."
Campagna di sensibilizzazione relativa alla prevenzione, al contrasto e quindi alla riduzione degli infortuni che vedono coinvolti adulti che non utilizzano le cinture di sicurezza, ma anche bambini che, posizionati sul sedile posteriore, non sono ancorati agli omologati sistemi di ritenuta. I controlli verranno espletati in diverse zone della città, in centro e nei diversi quartieri periferici da parte delle pattuglie di zona e del Nucleo di Vigilanza di Quartiere (V.d.Q).

Dal 25 al 30 giugno 2018
RIMANI CONNESSO ALLA VITA: SENZA VIVA VOCE, NON RISPONDERE! Art. 173 C.d.S.”
Campagna di sensibilizzazione relativa alla prevenzione, al contrasto e quindi alla riduzione degli incidenti stradali con coinvolgimento dei pedoni, per cattivo uso del cellulare alla guida dei veicoli.
Saranno previsti controlli giornalieri nei punti in cui è più alto il rischio sinistrosità per i pedoni e questi verranno espletati sia dalle pattuglie automontate sia dai motociclisti.

Dal 2 al 7 luglio 2018
Rimani connesso alla via: non distrarti alla guida! (artt. riguardanti principali norme di comportamento artt. 143 /145; 41/146;148;191 C.d.S.)

Campagna di sensibilizzazione relativa alla prevenzione nel rispetto delle norme comportamentali previste dal vigente Codice della Strada come le precedenze nelle

intersezioni, il sorpasso, l'eccesso di velocità e le norme di comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni.
Tale attività verrà svolta con controlli dinamici su tutto il territorio cittadino in precisi posti di controllo, teatro di sinistri stradali.

Dal 9 al 14 luglio 2018

Rispondi alla vita: Bevi? No grazie, guido!(art. 186 C.d.S.)

Campagna di sensibilizzazione relativa alla prevenzione ed il contrasto della guida in stato di alterazione dovuta all’assunzione di alcol con l'obiettivo di cercare di rendere gli utenti della strada consapevoli dei gravi pericoli collegati all'assunzione di alcol.
Saranno effettuati controlli nei tre turni, utilizzando le idonee strumentazioni in dotazione al Comando quali il Pre-test e l'etilometro, al fine di verificare il rispetto delle norme di comportamento del vigente Codice della Strada le cui violazioni, spesso, sono motivo di gravi sinistri stradali.

Dal 3 all'8 settembre 2018

La tua città è la tua casa: rispettala (Sicurezza Urbana-degrado urbano)

Campagna di sensibilizzazione relativa al tema del degrado urbano e della sicurezza in città e nei quartieri periferici.
Controlli a tappeto nei tre turni con un dettagliato servizio che verrà svolto dalle pattuglie di zona, dagli agenti appiedati, dal Nucleo di Vigilanza di Quartiere e da personale in servizio in abiti civili.

Nell’ambito di Busto estate, giovedì 21 giugno alle 21 in piazza San Giovanni, andrà in scena uno spettacolo dal titolo "Ora basta", promosso da Attività Sportive Confederate Varese in collaborazione con Take your Time, Eva Onlus, il centro contro la violenza sulle donne del territorio sempre più pronto a raccogliere il grido di dolore delle donne maltrattate.

Si tratta di un’iniziativa di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, ideato dal coreografo bustocco Matteo Cirigliano, ballerino, cantante, attore, di grande esperienza che ha partecipato a musical internazionali come Evita e Jesus Christ Superstar.
Sul palco circa 50 allievi della scuola di danza Take your time, che metteranno in scena le donne e le loro qualità, alternando momenti ironici a momenti tragici che faranno ridere e piangere.

L'attività di Educazione alla Sicurezza Stradale dell'anno scolastico 2017/2018 ha avuto inizio il 5 febbraio e si concluderà il 26 giugno.

Sotto il diretto controllo e coordinamento del Comandante Claudio Vegetti, l’attività è stata precedentemente concordata e programmata in ogni particolare dal Commissario Daniela Bettin – Responsabile Ufficio Formazione – con i Dirigenti/docenti referenti degli Istituti e con la preziosa collaborazione di un team di 10 agenti.

Anche nell'anno scolastico 2017/18 l’educazione stradale è entrata nelle scuole cittadine coinvolgendo i piccoli delle Scuole dell’Infanzia, gli alunni delle Primarie, i ragazzi delle Secondarie di 1°grado dei sette Istituti Comprensivi e i giovani delle Superiori.
Un vero successo anche quest'anno! … e lo si evince dalla scrupolosa rielaborazione dell'indagine effettuata dal Commissario Daniela Bettin tramite i “Customer Satisfaction” (novità 2018) consegnati in forma anonima in tutte le classi a fine lezione, nonchè dalle note positive inviate dai Dirigenti scolastici al Sig. Sindaco.

L'attività svolta sia durante la mattina sia durante il pomeriggio, ha visto il personale impegnato in lezioni di tipo frontale (due sezioni, per classi parallele e con durata di un'ora per lezione), per i più grandi attuate con l'ausilio di audiovisivi aggiornati seconde le norme del vigente Codice della Strada e, per i più piccoli, la proiezione di cartoni animati che riprendevano le regole del corretto comportamento da tenersi sulla strada.

Al primo incontro di tipo teorico, sono susseguiti gli incontri di tipo pratico.

Per le classi terze delle primarie sono state programmate le uscite nel quartiere, realizzate con l’intento di far conoscere al piccolo utente le vie del proprio quartiere: la segnaletica verticale, orizzontale e luminosa presente in quello specifico rione nonché le segnalazioni manuali degli agenti preposti al traffico con simulazione dal vero.

Per le classi quarte sono state programmate le uscite con l'autobus. E' proprio su un bus – anche quest'anno messo a disposizione gratuitamente dalla Società STIE spa, concessionario dei servizi di TPL urbani – che i nostri giovani utenti sono stati accompagnati in un “tour” per i quartieri della città, con itinerari precedentemente studiati e collaudati sia nel percorso che nella tempistica, con l'intento di promuovere l'utilizzo dei mezzi pubblici per non inquinare, spiegando come si sale e come si scende alla fermata con relativa simulazione, come funziona la pedana per i diversamente abili, come fare a obliterare il biglietto: un piccolo anticipo delle norme di parcheggio per non intralciare il passaggio degli autobus e soprattutto lasciare il posto a sedere agli anziani o alle persone con difficoltà motorie.

Per le classi quinte, gli alunni dopo aver superato un “test scritto” - consegnato e discusso durante la prima lezione teorica - di verifica e conoscenza dei principali segnali stradali e delle norme basilari di un corretto comportamento, si sono messi alla prova affrontando un percorso di “regolarità” nel Campo Scuola “Viabilandia”, dimostrando la loro capacità di conduzione del velocipede in sicurezza, nel rispetto delle regole. A conclusione della prova a tutti è stato consegnato il “Patentino individuale di buon pedone e bravo ciclista”.

Sempre nel Campo Scuola “Viabilandia” di Borsano - opportunamente attrezzato con segnaletica orizzontale e verticale a dimensione di bambino - sono state realizzate le uscite per i piccoli dell’Infanzia che hanno potuto effettuare una seconda lezione di taglio prettamente pratico utilizzando baby-bici, baby-moto, baby-auto e, facendo attenzione alle segnalazioni dei loro compagni, muniti per l’occasione di pettorina rifrangente e distribuiti nel parco all’altezza degli incroci e degli attraversamenti pedonali, hanno completato il percorso prestabilito.

Oggi alle ore 10.00 si è svolta la festa di fine anno scolastico con i piccoli dell'infanzia “San Cirillo”: il Sindaco Emanuele Antonelli, unitamente all’Assessore alla Sicurezza Massimo Rogora ed al Comandante Claudio Vegetti hanno consegnato ai piccoli utenti i meritati attestati di partecipazione.

Anche nelle scuole secondarie di 1° grado si è attuato il Progetto di Educazione stradale denominato “Scuola Sicura 2018” con lezioni teoriche di tipo frontale tenute a classi parallele; nelle prime l’argomento trattato è stato il pedone, nelle seconde il ciclista, nelle terze il ciclomotorista e i relativi comportamenti corretti, in quanto l'esperienza insegna che è sufficiente una piccola distrazione o il pensare di essere i padroni della strada per avere la peggio.

Concordato con la Dirigente dell'Istituto Professionale “Pietro Verri” a gennaio si è tenuto l'Incontro Formativo denominato “Io dico NO ad alcol e droghe” . L'incontro con i giovani è avvenuto presso l'aula magna dell'Istituto stesso; sono stati trattati temi importanti quale l'abuso di alcol, gli effetti delle sostanze stupefacenti di largo consumo e le relative conseguenze che senza dubbio rappresentano una tematica frequente del nostro quotidiano. Non si è voluto parlare solo degli effetti deleteri delle molteplici tipologie di droga o le azioni di contrasto delle diverse forze di polizia, bensì raggiungere lo scopo che ci si era prefissati e cioè quello di informare, educare e condividere con i giovani del “Verri” conoscenze, esperienze, conseguenze, interagendo attivamente con gli stessi, dando loro un quadro completo della materia. Con l'ausilio di un aggiornato materiale audiovisivo, sono state illustrate le attività del Corpo di P.L., le strumentazioni in dotazione al Comando nonché il loro funzionamento, quale l'etilometro, il pre-test, il telelaser, l'autovelox, il drug-test, il targa system, il tacho police e le telecamere “trappola”.

Di particolare rilevanza anche l'Incontro Formativo-educativo con la “Cooperativa “L'Abbraccio”, presente sul territorio di Busto Arsizio dal 2009 con il Centro Diurno educativo per minori, ragazzi di età compresa tra i 6 e i 16 anni, di cui alcuni segnalati e presi in carico dal Servizio Tutela. A maggio si è svolto un intervento formativo di due ore al Centro fornendo ai più piccoli informazioni utili e chiare sui comportamenti adeguati da tenere durante i trasporti, che vengono effettuati dai loro educatori, per accompagnare i ragazzi da scuola e dalle abitazioni, per una maggiore sicurezza personale; mentre per gli adolescenti si è ampiamente parlato e discusso del fenomeno del Bullismo e del Cyberbullismo. Durante l'incontro, così come riportato dai loro educatori, si è creato un clima di fiducia e, grazie all'utilizzo di giochi interattivi e di un linguaggio semplice, il Commissario Daniela Bettin e l'Agente Francesco Cardella hanno promosso e facilitato la partecipazione attiva di tutto il gruppo.
Gli incontri di educazione alla sicurezza stradale non si sono esauriti nel far conoscere i segnali stradali o nell'addestramento alla guida, ma hanno permesso di approfondire i valori della convivenza civile, dell'educazione alla legalità, del rispetto dell'ambiente e del tessuto urbano.
Le finalità dell'educazione alla sicurezza stradale risiedono nel cambiamento delle abitudini e delle modalità di circolazione dei singoli, nella valorizzazione dell'utenza debole della strada (disabili, anziani, bambini, ciclisti, pedoni), nella promozione dell'utilizzo di sistemi di trasporto alternativi all'auto o al motore privato (mobilità privata a pedali, mezzi di

trasporto pubblici e collettivi, mezzi di trasporto che si muovono grazie a fonti di energia rinnovabili, ecc.), nel miglioramento del comportamento alla guida di un mezzo di trasporto sia esso un'autovettura, un ciclomotore, una bicicletta.
Novità in assoluto del progetto per quest’anno è stato il coinvolgimento delle famiglie che, unitamente agli insegnanti, hanno consentito di promuovere un dialogo costruttivo tra gli alunni e la Polizia locale (in rappresentanza delle istituzioni preposte alla sicurezza), attuando un “fil rouge” con queste tre “figure” significative nel processo formativo.Si sono così attuati ulteriori 3 incontri, uno per ogni ordine di scuola: con i bimbi della scuola dell'Infanzia “Soglian”, con i giovani della scuola Primaria Sant'Anna” e con i ragazzi della scuola Secondaria di 1°”Prandina.

RIEPILOGO ATTIVITA'

SCUOLE DELL'INFANZIA N. 19 Alunni n. 764

Classi Uniche n. 76

SCUOLE PRIMARIE N. 19 Alunni n. 3890

Classi 1 n. 38 Alunni n. 837
Classi 2 n. 34 Alunni n. 760
Classi 3 n. 36 Alunni n. 839
Classi 4 n. 35 Alunni n. 797
Classi 5 n. 30 Alunni n. 657

SCUOLE SECONDARIE DI 1° GRADO N. 12 Alunni n. 2193

Classi 1 n. 37 Alunni n. 880
Classi 2 n. 32 Alunni n. 730
Classi 3 n. 24 Alunni n. 583

SCUOLE SECONDARIE DI 2° GRADO N. 1 Alunni n. 296

Classi 1 n. 11 Alunni n. 296

CENTRO DIURNO “L'ABBRACCIO” Alunni n. 20

Classe unica Alunni n. 20

USCITE NEL CAMPO SCUOLA “VIABILANDIA” n. 39 di cui:

n. 20 per le classi dell'Infanzia;

n. 19 per le classi 5° Primarie.

USCITE NEI QUARTIERI CITTADINI n. 24 per le classi 3° Primarie.

USCITE AUTOBUS STIE n. 21 per le classi 4° Primarie.

 

Prosegue l’intensa attività di educazione alla sicurezza stradale della Polizia locale nelle scuole cittadine.
Novità di quest’anno è il coinvolgimento delle famiglie che entreranno negli istituti scolastici e parteciperanno al progetto educativo offerto agli alunni dalla Polizia locale in supporto all’attività formativa già avviata dal corpo docente.

Oltre all'incontro – già svolto con successo – al Centro Socio Educativo per minori “L'Abbraccio”, sono previsti altri tre incontri, uno per ogni ordine di scuola: martedì 29 maggio con i ragazzi della scuola Secondaria di 1° grado “Prandina”, lunedì 4 giugno con i bambini della scuola Primaria “Sant'Anna”, venerdì 15 giugno con i bimbi della scuola dell'Infanzia “Soglian”.
Questi incontri formativi - organizzati dalla Responsabile del Nucleo Formazione e Comunicazione - sono l'occasione in cui la scuola, le famiglie e le istituzioni diventano, insieme agli alunni, gli interlocutori privilegiati nella costruzione di una cultura della sicurezza stradale e di prevenzione di alcune patologie sociali, come ad esempio il bullismo.
L'educazione alla sicurezza stradale non si esaurisce nella conoscenza dei segnali stradali o nell'addestramento alla guida, ma rappresenta una complessa attività educativa che comprende i valori della convivenza civile, dell'educazione alla legalità, del rispetto dell'ambiente e della promozione del benessere del singolo e della collettività.
Tre le finalità delle attività di educazione stradale, come specifica il Comandante Claudio Vegetti, ci sono il cambiamento dei comportamenti scorretti o imprudenti, la valorizzazione dell'utenza debole della strada (disabili, anziani, bambini, ciclisti, pedoni), la promozione dell'utilizzo di sistemi di trasporto alternativi alle autovetture (biciclette, mezzi di trasporto pubblici e collettivi, veicoli che sono alimentati da fonti di energia rinnovabili).

Nell’ambito del percorso di Educazione alla Sicurezza Stradale nelle scuole cittadine promosso dall’Amministrazione Comunale e organizzato dal Comando di Polizia Locale, dallo scorso mese di febbraio è stata avviata una serie di incontri per le scuole dell’Infanzia, le scuole Primarie e le Secondarie di primo grado, secondo il programma concordato con i dirigenti e i docenti referenti dell’educazione stradale.

Ciò, non a caso, ma a completamento di un percorso educativo iniziato in classe dalle insegnanti e in un contesto di educazione alla legalità e alla sicurezza che vede la Polizia Locale al fianco dei più giovani.
Gli incontri hanno lo scopo di accompagnare il giovane utente ad acquisire un comportamento improntato alla correttezza per la sicurezza personale e per quella degli altri utenti stradali.
Dopo gli incontri nel quartiere della scuola con le terze elementari, per le quarte sono state programmate le lezioni sull'autobus che da lunedì 23 aprile e fino al 4 maggio si svolgono a bordo di uno dei mezzi di più recente acquisizione con dotazione tecnologica più avanzata, messo a disposizione gratuitamente da STIE.
I giovani sono accompagnati in un tour per i quartieri della città con itinerari studiati dalla Responsabile dell'Ufficio Formazione e Comunicazione Commissario Daniela Bettin, itinerari collaudati sia nel percorso che nella tempistica (50 minuti per lezione).
Gli agenti informano i bambini sulle regole da rispettare sui mezzi pubblici urbani; in particolare spiegano loro il disagio rappresentato dall'inquinamento acustico e cerano di incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici.
Non mancano le simulazioni dal “vero”: gli agenti spiegano come si sale e come si scende alla fermata, come funziona la pedana per i diversamente abili, come fare a obliterare il biglietto e soprattutto a lasciare il posto a sedere agli anziani o alle persone in difficoltà motorie.
Ancora una volta l’obiettivo della Polizia Locale è quello di implementare la mera conoscenza tecnica con i concetti di “legalità” e di “regola”, quali fondamenti del vivere civile e per garantire una maggiore sicurezza.
Pochi Comandi di Polizia Locale possono vantare una simile attenzione e sensibilità verso la tematica dell'educazione stradale, attestata dal numero delle adesioni: per l'anno scolastico 2017/2018 sono ben 45 le scuole che partecipano.

In allegato una foto scattata il 17 aprile in via Minghetti durante l’incontro con le terze delle scuola Beata Giuliana

Sabato, 21 Aprile 2018 07:01

Bart – Quando il Tessile si fa Arte

Un nuovo logo identifica le iniziative culturali dell’Amministrazione comunali dedicate alle Belle Arti.

Si tratta di BArt, che come si può facilmente intuire, oltre all’ormai riconoscibile BA, presenta anche la parola Arte, o meglio la versione inglese della parola per indicare la vocazione internazionale che la Città ha in animo di continuare a perseguire.
Sotto l’egida di BArt saranno proposte dunque mostre di pittura, scultura e altre forme artistiche che si svolgeranno sia al Museo del Tessile che alle Civiche Raccolte d’Arte di palazzo Marliani Cicogna.
Il debutto del logo è accompagnato da un “sottotitolo”, “Quando il Tessile si fa Arte”, perché le prime tre mostre di BArt sono legate indissolubilmente da un filo rosso, quello del tessile, che è anche il filo che lega Busto alla sua storia e al suo sviluppo.

Nel caso delle tre mostre primaverili il tessile diventa arte: un trittico di assoluto livello culturale articolato come segue:

• il 21 aprile al Museo del tessile sarà inaugurata la collezione del sarto Antonio Ferramini che resterà esposta permanentemente al terzo piano del museo;
• dal 5 maggio al 3 giugno alle Civiche Raccolte d'Arte palazzo Marliani Cicogna sarà allestita la mostra di abiti ILLUSIONI DI STOFFA di Alessandro Ubezio;
• dal 13 maggio al 10 giugno al Museo del Tessile sarà la volta di MINIARTEXTIL BORDERLINE AL MUSEO DEL TESSILE E DELLA TRADIZIONE INDUSTRIALE DI BUSTO ARSIZIO a cura dell’Associazione culturale ARTE&ARTE di Como.

Continua il contrasto ai fenomeni di illegalità e degrado nel centro e in altre aree della Città molto frequentate.
Nei giorni scorsi, personale del Nucleo Motociclisti ha rintracciato nella centralissima via Don Minzoni un questuante di origini nigeriane, irregolare sul territorio italiano. Dopo essere stato sottoposto agli accertamenti del caso, a carico dell’uomo è stato emesso provvedimento di espulsione dal Territorio dello Stato. Lo stesso è stato inoltre deferito all’Autorità Giudiziaria per immigrazione clandestina.

Negli stessi giorni, a seguito della segnalazione di alcuni cittadini, due questuanti insistenti e molesti sono stati fermati da una pattuglia. I due, extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia, sono stati sanzionati secondo le norme del regolamento comunale di polizia urbana.
I controlli degli agenti in borghese nello scorso week end si sono concentrati anche sulle aree delle stazioni ferroviarie e lungo le vie di accesso del Parco dell’Alto Milanese, gremito di persone a passeggio.
In questo luogo sono stati sorpresi quattro soggetti intenti a compiere atti osceni a poca distanza dalla vicina pista ciclo-pedonale.
Uno di questi, un uomo italiano, al fine di evitare di farsi identificare e sottrarsi alla sanzione, tentava di scappare confondendosi tra le persone a passeggio: una volta raggiunto l’uomo ha anche spintonato un operatore di Polizia Locale. A suo carico, oltre alla sanzione prevista dall’art. 527 del vigente codice penale per gli atti osceni in luogo pubblico, è scattata la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.
Presso la Stazione Nord è stato inoltre identificato e sanzionato secondo il “Decreto Sicurezza 2017”, un tunisino che stava bivaccando sotto al portico esterno. A carico dell’uomo è stato quindi applicato il “daspo urbano” con ordine di allontanarsi dall’area della stazione. Questo provvedimento segue di pochi giorni quello applicato a uno straniero sorpreso ad orinare presso la stazione FS.
Infine, una pattuglia del Nucleo Pronto Intervento è intervenuta in piazza Solaro per identificare una cittadina albanese che, dopo essere stata sorpresa senza biglietto dal controllore di un bus di linea, ha dato in escandescenza e si è rifiutata di fornire le proprie generalità, insultando l’operatore. L’intervento degli agenti, nonostante le proteste della donna, ha permesso di accertare le sue generalità: nei suoi confronti, oltre alla sanzione da parte del controllore per la mancanza del titolo di viaggio, è scattata la denuncia a piede libero per non aver fornito le proprie generalità a un pubblico ufficiale e per non essere stata in grado di esibire i documenti di soggiorno, di cui comunque si è accertata la regolarità.
Particolare plauso alla Polizia Locale da parte dell’Assessorato alla Sicurezza che pone, tra i propri obiettivi, la prevenzione e quindi la repressione di tutte quelle condotte che possono essere lesive della sicurezza del nostro territorio, ivi compreso il rispetto dell'ambiente.

Il Rapporto Ambientale e il documento di Sintesi non tecnica, unitamente alla documentazione della proposta di variante parziale al PGT, sono depositati presso l’ufficio Urbanistica in libera visione al pubblico e sono inoltre pubblicati sul sito web di Regione Lombardia www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas e sul sito istituzionale del Comune di Busto Arsizio nella sezione Home/Territorio/Piano di Governo del Territorio/Variante parziale PGT 2017.

La conferenza finale di Valutazione Ambientale Strategica è convocata per il giorno Martedì 8 Maggio 2018 – ore 10:30 presso la Sala Consiglio del Comune di Busto Arsizio.
Eventuali suggerimenti e proposte potranno essere trasmessi entro il giorno 22 Maggio 2018.

Nell’ambito dell’attività di Presidio del territorio, prevenzione e repressione dei reati, gli operatori in forza al Nucleo Territoriale del Corpo di Polizia Locale, coordinati dai Commissari Natale Di Marco e Vincenzo Liguori, in seguito a scrupolose e celeri indagini, all'alba di oggi nel rione Sant'Anna, e più precisamente in Via Piermarini, hanno identificato un uomo tunisino di quarantacinque anni che occupava abusivamente un'abitazione privata.

Dopo la segnalazione sporta dall'amministratore del condominio, sollecitato dalle continue lamentele per la presenza di persone che si aggiravano nell'immobile durante le ore notturne, è emerso che lo stesso tunisino occupava abusivamente un appartamento da almeno 6 mesi, insieme ad una giovane donna di nazionalità italiana e senza fissa dimora.
Al momento del sopralluogo, l'appartamento era privo di luce e gas ed era presente una bombola-gas collegata a un fornelletto mobile che risultavano alquanto pericolosi.
Durante la prima fase dell'intervento, l'uomo consegnava spontaneamente un'esigua quantità di sostanza stupefacente che veniva sequestrata, quindi si provvedeva nell'immediatezza ad un’attenta perquisizione locale e personale finalizzata al ritrovamento di ulteriori quantità di sostanze stupefacenti.
Come osservano l’assessore Max Rogora e il Comandante Claudio Vegetti “questa operazione si inserisce nella costante azione di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione e repressione di atti che turbano la sicurezza urbana. L'Assessorato alla Sicurezza e la Polizia locale si pongono come obiettivo primario quello di contrastare a tutto campo questo fenomeno ed è in tal senso che si continuerà nei controlli volti a debellare ricorrenti situazioni di abusivismo. I cittadini potranno certamente percepire una maggiore e più qualificata presenza di operatori sul territorio e sentirsi più sicuri”.

E’ stato pubblicato il secondo Avviso pubblico, qui allegato, per la realizzazione di interventi a favore di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare “DOPO DI NOI” L. 112/2016 – D.G.R. 6674/2017.
Il programma regionale “DOPO DI NOI” prevede l’erogazione di contributi a sostegno di interventi gestionali e di interventi infrastrutturali.

Nello specifico:
A. Interventi gestionali: erogazione di contributi volti alla persona disabile grave (l. 104/92, art. 3 comma 3) per:
• sostegno e accompagnamento all’autonomia
• sostegno alla residenzialità (gruppo appartamento, soluzioni di co-housing e housing sociale,
• pronto intervento.
B. Interventi infrastrutturali: erogazione di contributi per:
• eliminazione delle barriere architettoniche, adattamenti domotici, messa in regola degli impianti;
• spese di locazione e/o condominiali.
Con deliberazione di Giunta Comunale n. 220 del 5 ottobre 2017 sono state approvate le linee operative di attuazione del programma “DOPO DI NOI” e la ripartizione delle risorse nei vari interventi.
Le domande, indirizzate all’ Ufficio di Piano c/o Comune di Busto Arsizio – Settore Servizi Sociali, Busto Arsizio, via Roma 5, potranno essere presentate tramite:
• consegna a mano all’Ufficio Protocollo del Comune di Busto Arsizio;
• Posta Elettronica Certificata (protocollo@comune.bustoarsizio.va.legalmail.it);
• raccomandata;
entro le ore 12:00 del 31 marzo 2018, tramite l’apposita modulistica qui allegata.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio di Piano dei Servizi Sociali di via Roma 5 tel. 0331 390117.

Il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore alla cultura Manuela Maffioli hanno presentato oggi Claudia Giussani e Monica Giuffrida, nominate di recente direttore e vicedirettore della Biblioteca di Busto Arsizio. Presenti anche i bibliotecari e gli assessori di alcuni comuni (Castellanza, Marnate, Fagnano) che fanno parte del sistema bibliotecario Busto Arsizio - Valle Olona di cui Busto è biblioteca capofila.

Nel dare il benvenuto alle due nuove posizioni apicali, Maffioli ne ha sottolineato “competenza ed esperienza, caratteristiche, non disgiunte dalla passione per la lettura e per la cultura in generale, che permetteranno loro di svolgere un lavoro in continuità con il passato, ma con uno slancio in più per restituire alla Biblioteca di Busto il ruolo di motore della cultura cittadina un pò appannato nel periodo di vacatio”. Periodo in cui comunque nulla si è fermato, “grazie al lavoro del personale della Biblioteca e soprattutto del sistema bibliotecario – che ringrazio molto - che si è fatto carico di trainare il sistema anche a nome della Biblioteca di Busto”.
Tra i progetti per i prossimi mesi, “oltre alla promozione della lettura e alla valorizzazione del patrimonio librario e del suo valore eterno, una maggiore attenzione alle esigenze dei bambini con difficoltà di apprendimento, purtroppo sempre più frequenti: vorrei che Busto e il sistema emergessero per l’approccio d’avanguardia verso queste tematiche attraverso i libri e la lettura” ha sottolineato l’assessore.
Il sindaco Antonelli si è complimentato in particolare per i curricula delle due nuove figure, soprattutto per le esperienze all’ estero della direttrice e per l’impegno nel campo dell’insegnamento della vice.
“Per me è un onore poter gestire questa biblioteca, mi metto al servizio di questo territorio e delle sue esigenze, sarà una bella sfida”: queste le prime parole di Giussani, in servizio da pochi giorni. “Il sistema bibliotecario è molto attivo e ha un patrimonio molto ricco, cercheremo di spingere anche sulle nuove modalità di fruizione della lettura - ha continuato – a mio parere la Biblioteca deve parlare a tutta la città, cercheremo di capire come ampliare i servizi. Innovare per me significa innestare nuovi servizi sulla vocazione tradizionale della biblioteca che avrà sempre il suo fulcro nella lettura come veicolo di conoscenza e informazione”.
Molto emozionata la vicedirettrice: “Quella di Busto è una biblioteca molto impegnativa, con grandi spazi, molte energie e potenzialità, vorremmo farla conoscere maggiormente alla città anche ospitando eventi di enti e associazioni del territorio”.
Un benvenuto anche da parte degli assessori degli altri comuni. In particolare, l’assessore alla Cultura di Castellanza, Gianni Bettoni, ha augurato che la novità “sia motivo di ulteriore miglioramento e di nuovi stimoli a un sistema che ha continuato ad offrire servizi e in cui si è creata una buona armonia”.

In allegato i curricula di Claudia Giussani e di Monica Giuffrida e alcuni dati sul sistema bibliotecario.

L’Amministrazione Comunale è alla ricerca di sponsor che possano sostenere le attività culturali, sportive e ricreative relative all’anno 2018.

Tre le macroaree temporali in cui sono suddivise le attività: Rassegna Primavera di Busto (tra gli eventi più importanti il BA Film Festival); BA Estate e Attività autunnali e natalizie (tra gli eventi più importanti il Concerto di Natale e il Concerto di Capodanno).

In allegato l’avviso per la ricerca di soggetti che siano intenzionati a sponsorizzare le iniziative e bozza del calendario delle attività in programma fino all’inizio del mese di giugno 2018.
Il calendario dei mesi successivi sarà reso noto più avanti.

E' intenzione dell’Amministrazione Comunale organizzare la mostra “Miniartextile” presso le due sale gemelle del Museo del Tessile nel periodo maggio / giugno 2018.
In allegato l’avviso per la ricerca di soggetti che siano intenzionati a sponsorizzare la realizzazione della mostra.

In allegato:
Avviso pubblico
Fac simile richiesta.

In allegato il modulo di domanda per il REI (Reddito di Insclusione).

Sono stati presentati oggi dall’assessore alla Sicurezza Massimo Rogora e dal comandante Claudio Vegetti i dati relativi all’attività della Polizia Locale nell’anno appena concluso.
In allegato il report dettagliato in base ai diversi ambiti di azione del Corpo.
Da segnalare un incremento del 37,5% delle violazioni al codice della strada (33.553 nel 2017, 24.072 nel 2016), variazione da attribuire all’impegno del personale nel contrastare in particolare i comportamenti che incidono sulla sicurezza “non vogliamo fare cassa – ha osservato l’assessore – l’intento è proprio quello di aumentare la sicurezza e fare in modo che si rispettino i diritti degli utenti più deboli.” Ad esempio, le sanzioni per chi ha parcheggiato negli spazi riservati agli invalidi sono aumentate di cento unità, così come sono aumentate, grazie anche alle nuove dotazioni informatiche, le sanzioni per i veicoli non in regola con la revisione periodica (da 614 nel 2016 a 1827 nel 2017) e con la copertura assicurativa (da 157 a 335), potenziali pericoli per l’incolumità e la sicurezza dei cittadini.
Molto interessanti anche i dati relativi alle attività di studio sugli incidenti, alle attività di educazione stradale rivolte ai più giovani e alla collaborazione con i cittadini nel progetto di controllo del vicinato che sta prendendo sempre più piede.

Domani 20 gennaio, la Polizia locale festeggia il patrono San Sebastiano Martire: alle 18.30, nella chiesa san Michele sarà celebrata la Santa messa, al termine della quale il corpo di Polizia Locale sarà presentato alla cittadinanza nel salone parrocchiale (piazzetta don Chieppi).

Venerdì, 12 Gennaio 2018 12:41

Riprende Nati per leggere in Biblioteca

Sabato 20 gennaio ripartono le attività di Nati Per Leggere in Biblioteca, con lo spettacolo “Gira la storia”, lettura teatrale a cura di Arci Colpo D'Elfo, in programma alle ore 10.30.

"Gira la Storia" è una narrazione animata in musica per bambini da 3 a 6 anni che racconta ai bambini quanto la fantasia cambi il modo di vedere il mondo, un viaggio alla scoperta del sé attraverso l'ascolto del cuore.
L’ingresso è libero e con prenotazione obbligatoria al n. 0331 390390.
Da parecchi anni questo importante progetto, organizzato e coordinato dal Sistema Bibliotecario Busto Arsizio-Valle Olona, di cui la biblioteca di Busto Arsizio è centro sistema, si svolge sul nostro territorio, con l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce per i bambini dai pochi mesi fino ai 6 anni, riconoscendo ad essa una positiva influenza dal punto di vista relazionale e cognitivo e la capacità di favorire nel bambino l'abitudine a leggere.

Pagina 1 di 6
  • banner museotessile
  • banner civicheraccolte new
  • banner biblioteca
  • banner biblioteca