testata busto

via Fratelli d'Italia 12, 21052 (VA) -
tel 0331 390111 / fax 0331 390291
CF/PI 00224000125 -
Codice IBAN IT54N0521622800000004444644
protocollo@comune.bustoarsizio.va.legalmail.it

  • Home
  • La Città
  • Un 8 marzo all’insegna dell’arte per dire ancora una volta no alla violenza sulle donne
Mercoledì, 14 Febbraio 2018 13:37

Un 8 marzo all’insegna dell’arte per dire ancora una volta no alla violenza sulle donne

Il 14 febbraio, S. Valentino, l’Amministrazione comunale lancia un messaggio chiaro e deciso contro la violenza sulle donne e annuncia che l’8 marzo Busto Arsizio diventerà città simbolo della campagna contro la violenza alle donne.

L’assessore all’inclusione sociale Miriam Arabini afferma infatti: “in occasione della prossima “Giornata internazionale della donna”, in collaborazione con Amnesty International, Lions Club International, Liceo Artistico Candiani e associazione E.va Onlus Centro Antiviolenza, promuoveremo una giornata all’insegna dell’arte e della cultura”.
In particolare, l’Amministrazione sosterrà il proseguimento di “Donne al Muro”, progetto avviato nel 2016 da un’idea di Amnesty International Gruppo 296 Varese. Come si ricorderà, si tratta di una mostra permanente di opere d’arte in ricordo delle donne vittime di violenza esposta su un muro di viale Piemonte. E il prossimo 8 marzo la mostra verrà arricchita con una dozzina nuove opere di artisti locali, che hanno accolto con favore l’iniziativa di donare per ogni donna uccisa “una duratura memoria di bellezza e di pace”.
Alle ore 12 l’inaugurazione in viale Piemonte: oltre al sindaco Emanuele Antonelli e all’assessore Arabini, sarà presente Alba Bonetti, vice presidente della Sezione italiana di Amnesty International,

La giornata non finirà qui: alle ore 21:00 al Teatro Sociale andrà in scena lo spettacolo di musica e danza AMAMI, organizzato dai Lions Club di Busto Arsizio, con la partecipazione di artisti molto noti, tra cui il tenore del Teatro Alla Scala di Milano Ramtin Gazevi, la violinista Alessandra Romano, l’attrice Natscha Padoan e il Corpo di ballo del Liceo Coreutico Pina Bausch (coreografe Ilenia Logorelli e Valeria Canoro).
“Sarà una serata all'insegna del bel canto, della prosa, della danza. Festeggeremo la giornata della donna soprattutto denunciandone lo "stato d'assedio" violento che la donna subisce e sembra non avere fine, ma che a Busto e nel territorio stiamo arginando e di combattendo con una serie di azioni concrete” sottolinea l’assessore.
La serata avrà scopo esclusivamente benefico e i fondi raccolti verranno devoluti all’ Associazione E.va Onlus Centro Antiviolenza per l’arredo di una casa per l’accoglienza di donne vittime di violenza.

  • banner museotessile
  • banner civicheraccolte new
  • banner biblioteca
  • banner biblioteca