Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ti trovi qui:Avvisi dal Comune»Avvisi - Ambiente e rifiuti»Provvedimenti per la limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti nel periodo 1 ottobre 2019 - 31 marzo 2020
Martedì, 01 Ottobre 2019 09:26

Provvedimenti per la limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti nel periodo 1 ottobre 2019 - 31 marzo 2020

Dal 1 ottobre 2019 al 31 marzo 2020 in relazione alle condizioni di persistenza dello stato di superamento del valore di 50 μg/m3 della concentrazione di PM10 registrato dalle stazioni di rilevamento e secondo le modalità contenute nell’allegato 2 alla DGR 449 del 02 agosto 2018 in aggiunta al divieto delle azioni già previste dalla DGR entreranno in vigore le seguenti misure temporanee:

- definite di 1° livello (scattano dopo 4 giorni consecutivi di PM10 elevato e si aggiungono alle limitazioni permanenti già in vigore):
1. Divieto di circolazione anche ai seguenti autoveicoli:
• Diesel Euro 4 veicoli privati dalle 8.30 alle 18.30;
• Diesel Euro 3 veicoli privati dalle 8,30 alle 18,30 sabato e festivi;
• Diesel Euro 3 veicoli commerciali dalle 8,30 alle 12,30 sabato e festivi;
• Diesel Euro 0, 1 e 2 veicoli privati dalle 8,30 alle 18,30 sabato e festivi;
• Diesel Euro 0, 1 e 2 veicoli commerciali dalle 8,30 alle 12,30 sabato e festivi;
2. Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal decreto attuativo dell’articolo 290, comma 4, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 o, fino alla sua entrata in vigore e piena operatività, dalla D.G.R. n. 5656/2016
3. Divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc.), di combustioni all’aperto anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;
4. Introduzione del limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali;
5. Divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso;
6. Divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, divieto di rilasciare le relative deroghe.

- definite di 2° livello (scattano dopo 10 giorni consecutivi di PM10 elevato e si aggiungono alle limitazioni di 1° livello già in vigore):
1. Divieto di circolazione anche ai seguenti autoveicoli:
• Diesel Euro 4 veicoli commerciali dalle 8.30 alle 12.30;
• Diesel Euro 3 veicoli commerciali dalle 8,30 alle 18,30 sabato e festivi;
2. Divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 4 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta dal decreto attuativo dell’articolo 290, comma 4, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 o, fino alla sua entrata in vigore e piena operatività, dalla D.G.R. n. 5656/2016.
Le deroghe ed esclusioni sono quelle previste dalle limitazioni invernali permanenti di cui all’ALLEGATO 1 alla DGR n. 2055 del 31/07/2019 (allegato all'ordinanza).
Il fermo della circolazione dei veicoli si applica, ai sensi dell’art.13, comma 3, della l.r. 24/06, all’intera rete stradale ricadente nelle aree urbane dei Comuni interessati, con l’esclusione: 1) delle autostrade; b) delle strade di interesse regionale R1, come individuate dalla classificazione funzionale definita ai sensi della l.r. 9/2001, art. 3, con DGR 7/19709 del 3 dicembre 2004 e successivi aggiornamenti, comprese le varianti stradali alle stesse entrate in esercizio nel frattempo; 3) dei tratti di collegamento tra strade cui ai precedenti punti 1) e 2), gli svincoli autostradali ed i parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici ricadenti all’interno della zona oggetto del presente ambito di applicazione.

In allegato il testo completo dell'ordinanza

Ultima modifica il Martedì, 01 Ottobre 2019 09:39