Stampa questa pagina
Lunedì, 14 Giugno 2021 12:52

Continua l’attività della Polizia ambientale a tutela del territorio

Continua incessantemente l’attività nel nuovo Nucleo di Polizia Ambientale ed Edilizia del Comando di Polizia Locale.
In questi giorni, nel corso di un controllo di iniziativa nel territorio comunale, gli agenti del Nucleo di Polizia Ambientale hanno scoperto una vera e propria discarica abusiva, in una zona periferica della città.
L’area in questione, un terreno agricolo interamente recintato, era completamente invasa da cumuli di rifiuti vari, pericolosi e non pericolosi, che raggiungevano fino i quattro metri di altezza.
Nell’area era anche presente una ruspa, presumibilmente utilizzata per accatastare in altezza la notevole mole di rifiuti, in gran parte costituiti da terre da scavo e rifiuti inerti.
Tempestivo l’intervento del Nucleo di Polizia Ambientale, che, in accordo con l’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro preventivo dell’intera area, al fine di sottrarla dalla disponibilità del possessore, titolare di un’impresa, denunciandolo per la realizzazione e gestione di una discarica abusiva.
A carico dell’interessato, sono risultati ulteriori precedenti anche per reati ambientali specifici.
Sempre per accertamenti svolti nell’ambito delle attività assegnate allo stesso Nucleo, nella prima decade di giugno ben 5 persone sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per violazioni - questa volta - di natura edilizia.
E proprio nella giornata di oggi sono state fermate due persone che nei giorni scorsi erano state riprese dalle foto-trappole mentre scaricavano rifiuti nel parco Altomilanese. Questa mattina gli agenti le hanno intercettate per la strada, a bordo dello stesso furgone utilizzato per trasportare e scaricare i rifiuti nel parco.
L’assessore alla Sicurezza Massimo Rogora, unitamente al Comandante della Polizia locale Claudio Vegetti, esprime il più vivo compiacimento per la costante attività profusa sul territorio dal Nucleo di Polizia Ambientale, coordinato con competenza e professionalità dal commissario Maria Cammarata.