Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ti trovi qui:News e Avvisi - Archivio»News del Comune»Primo giorno di scuola - Antonelli: “Studiate e impegnatevi per il bene comune, ma continuate a divertirvi”
Giovedì, 12 Settembre 2019 11:33

Primo giorno di scuola - Antonelli: “Studiate e impegnatevi per il bene comune, ma continuate a divertirvi”

IMG 2873Al via l’anno scolastico: il sindaco Emanuele Antonelli ha fatto gli auguri ai bimbi della primaria Tommaseo e ha dato il benvenuto alla nuova dirigente Cristina Parisini.

“Vi dico subito un piccolo segreto: l’ho fatta anche io questa scuola. – ha detto ai bambini pronti ad entrare in classe - Vi posso assicurare che come tante altre a Busto Arsizio è una scuola di eccellenza. Vi chiedo di seguire i consigli dei vostri insegnanti e dei vostri genitori, perchè abbiamo bisogno che voi cresciate bene per aiutare questa città ad essere una grande città. Fra qualche anno magari uno di voi potrà fare il sindaco di Busto, non ve lo consiglio, ma sappiate che impegnarsi per il bene pubblico è molto bello, se fatto con passione”.
“Dovete anche divertirvi, perchè questi sono gli anni più belli della vostra vita e questo lo capirete un pò più avanti negli anni, quando cominceranno i veri problemi della vita. – ha continuato - Per cui dovete studiare tanto ma anche divertirvi. E soprattutto, e insisto, seguite l’esempio dei vostri genitori e dei vostri insegnanti. Se poi avete bisogno anche di un piccolo consiglio da parte del sindaco, la porta del comune è sempre aperta per voi se volete venire a trovarmi in Comune”.

L’assessore all’Educazione Gigi Farioli ha salutato il nuovo preside dell’Istituto comprensivo Galilei Massimo Valentino e gli studenti delle medie Galilei e Parini: “Un inizio di anno molto tranquillo, ho ricordato l’importanza dell’alleanza educativa tra scuola, famiglia e istituzioni per una crescita serena dei ragazzi. Li ho messi alla prova chiedendo se fossero contenti di iniziare l’anno scolastico: si sono alzate poche mani, ma ho molto apprezzato la sincerità”.

Al primo appello hanno risposto 4.076 bambini delle primarie e 2.637 ragazzi delle medie, oltre a 2.085 bimbi delle scuole dell’infanzia, 579 bimbi dei nidi e micro nidi e a circa 9.935 studenti delle superiori.