Contenuto principale

Messaggio di avviso

Ti trovi qui:News e Avvisi - Archivio»News del Comune»L’omaggio di Busto Arsizio a Leonardo
Martedì, 05 Novembre 2019 11:03

L’omaggio di Busto Arsizio a Leonardo

Leonardo foto sito

In occasione della celebrazione dei Cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci (1452-1519), anche la Città di Busto Arsizio omaggia l’artista attraverso alcuni eventi che coinvolgono il mondo della cultura e l’ambito del tessile, in una virtuosa relazione tra tradizione e innovazione.
In programma due mostre e due incontri di grande spessore culturale:

Dal 9 al 27 novembre al Museo del Tessile e della Tradizione Industriale (Sala Gemella) sarà allestita la mostra “Le trame di Leonardo – La più bella e sottile invenzione” realizzata dalla fondazione Merlini e dall’Amministrazione comunale con la collaborazione di Canclini e Centrocot. Questi gli orari di apertura al pubblico: dal martedì al giovedì dalle 14.30 alle 18.00; venerdì ore 9.30 - 13.00 e 14.30 - 18.00; sabato ore 14.30 - 18.30; domenica ore 15.00 - 18.30.

Dal 9 al 24 novembre la Biblioteca Capitolare di San Giovanni Battista via don Minzoni 1, propone, in collaborazione con l’Associazione Amici della Capitolare, la mostra di testi e documenti “Leonardo in fac-simile”.Apertura: martedì, mercoledì e venerdì dalle 15.00 alle 18.00; sabato e domenica dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.30.

Giovedì 14 novembre alle 20.30 a Palazzo Cicogna lo Studio Legale A& A propone l’incontro “Un viaggio nelle immagini – il bustocco Giuseppe Bossi, Leonardo, il Cenacolo e il Trattato della Pittura”.

Martedì 19 novembre ore 9.00-14.30 il Museo del Tessile e della Tradizione Industriale (Sala delle Feste) Centrocot propone il convegno “L’innovazione parte da Leonardo. Storie di economia circolare e sostenibilità”.

“Questo per me è uno dei principali progetti dell’anno, grazie anche ai quattro grandi protagonisti di questo omaggio, a partire certamente da coloro che hanno reso possibile il grande evento tra gli eventi, e cioè la mostra che sarà inaugurata il 9 novembre. Una mostra che da sola può già dare la cifra della grandezza e dell’importanza di questo omaggio, perché è una mostra che ad oggi vede già centoventi classi dei nostri istituti scolastici prenotate per le visite e i laboratori che abbiamo deciso di dedicare in modo particolare ai bambini e ai ragazzi delle scuole di ogni ordine e grado – osserva la vicesindaco e assessore a Identità e Cultura Manuela Maffioli -.
Questa è una mostra che abbiamo deciso di realizzare assecondando il legame filologico di Leonardo da Vinci con la nostra città, da un lato appunto con l’intuizione nei confronti dei telai e quindi del tessile, che è la nostra prima identità, identità economica, poi sociale e culturale, ma anche attraverso alcuni tesori che sono custoditi in città, per esempio nella nostra Biblioteca Capitolare.
A questo progetto si aggiungono altri due collaborazioni, lo studio A&A che organizza una serata dedicata al grande pittore Giuseppe Bossi che a un certo punto della sua carriera incrocia, in maniera fortunatissima, l’eredità del genio Vinciano; e da ultimo proponiamo uno sguardo al presente, dall’innovazione del Genio passeremo al grande investimento che oggi le nostre aziende tessili stanno infondendo nella ricerca e nell’innovazione, come bene spiegheremo grazie all’evento a cura del Centrocot. Uno sguardo quindi dal 1500 ad oggi su due aspetti importanti della nostra città, uno dei suoi maestri pittori e il suo tessuto tessile. Avere per la mostra già una prenotazione così ampia significa che in qualche modo sta passando il messaggio che abbiamo trasferito alle scuole ed è un messaggio su la cui qualità le nostre scuole non nutrono dubbi. L’auspicio è naturalmente che anche il pubblico adulto possa fruire di tutte quattro importanti occasioni racchiuse dentro il grande omaggio di Busto Arsizio a Leonardo, in parte per aumentare il proprio sapere circa il grande personaggio di fama internazionale, ma dall’altra parte per approfondire meglio come un genio di tale portata si sia in qualche modo rapportato anche alla nostra città.
Il primo appuntamento è sabato 9 novembre all’inaugurazione della mostra, una mostra che per quanto mi riguarda con questi numeri ha già stravinto la scommessa”.

Ultima modifica il Lunedì, 11 Novembre 2019 12:07